La ricetta e le varianti del classico della colazione italiana.

Il cappuccino più grande del mondo.

Il cappuccino più grande del mondo.

E’ la ricetta per un risveglio all’insegna del gusto. Il cappuccino, rigorosamente accompagnato dal criossant, è uno dei modi migliori per iniziare la giornata. In Italia e non solo. Si tratta di una bevanda a base di caffè espresso, latte e latte montato a schiuma. Un trionfo di sapore insomma in cui a far la differenza è proprio la schiuma che deve essere compatta e soprattutto abbondante.
UNA BEVANDA ITALIANA. La leggenda vuole che il cappuccino, come il caffè, siano figli dell’ingegno italiano. Il nome deriverebbe dal frate cappuccino Marco d’Aviano. Nel 1683 il religioso, assaggiando il caffè servitogli in una bottega a Vienna, lo trovò troppo aspro e lo allungò con del latte, inventando così la bevanda. E’ italiano anche colui che a inizio del XX secolo brevettò le macchine espresso necessarie per ottenere la schiuma fondamentale in ogni buon cappuccino.
RECORD MONDIALE ITALIANO. E la bevanda ha regalato all’Italia anche un record mondiale. A febbraio 2013 infatti è stato stabilito il nuovo guinness dei primati per il cappuccino più grande del mondo. Il risultato è stato ottenuto dai cinque ‘artisti’ italiani dei fornelli, gli stessi che avevano realizzato il record della pizza più grande del mondo. Per conquistare il record hanno preparato un cappuccino di 2.350 litri, che è stato ospitato in una enorme tazza, costruita appositamente (alta 1,5 metri e con diametro di 1,80) con latte e caffè nelle giuste proporzioni.
UNA BEVANDA DA DECORARE. Ma non è solo questione di primati. Perchè se c’è chi preferisce buttarla sulla quantità, altri considerano il cappuccino una vera e propria forma d’arte. Negli ultimi anni infatti sono sempre di più i baristi e gli specialisti che curano l’estetica della bevanda sbizzarrendosi con le moderne tecniche dell’art coffee o latte art che permotto di decorarla tramite disegni fatti con il bricchetto del latte o strumenti manuali.
UN PIACERE ANCHE CASALINGO. Comunque c’è speranza anche per coloro che vogliono preparare e gustare il cappuccino in casa. Meglio se con l’aiuto di una macchina per espresso dotata di lancia per il vapore. E’ importante poi ricordare che un cappuccino corrisponde a circa 150 ml di bevanda, composta da un espresso (30 ml) e parti uguali di crema di latte e di latte. Quest’ultimo deve essere fresco o, almeno, fresco parzialmente scremato.

Ecco come prepare un buon cappuccino fai-da-te in poche e semplici mosse.
1. Riempire per un terzo con latte freddo un bricco di metallo.
2. Azionare il getto di vapore per due secondi, per eliminare ogni residuo d’acqua.
3. Immergere la punta della lancia vapore nel latte e azionare il getto. Man mano che la schiuma si alza e il volume del latte cresce, abbassare il bricco tenendo la punta sempre sommersa e inclinandolo per ottenere un vortice nel latte. Non agitare inutilmente.
4. Continuare con il vapore finché il latte non raggiunge i 65° e il suo volume raddoppia.
5. Per compattare la schiuma battere con decisione la base del bricco su un piano.
6. Preparare un espresso in tazza grande.
7. Versare il latte direttamente nella tazza, partendo dal centro.
8. Infine azionare nuovamente la lancia per eliminare ogni residuo di latte.

Nella gallery di Style43 le varianti più gustose e strane del cappuccino.

player should load here
Get Adobe Flash player

Un artista del cappuccino al lavoro con il latte.

Luca Burini
26 novembre 2013